Visualizzazione di 10 risultati

CGM SUPERPOWER 6000SP GENERATORE MONOFASE 6kVA

Generatore monofase 6 kVA / 5,4 kW alimentato a benzina.

Contattaci per un'OFFERTA PERSONALIZZATA

CGM SUPERPOWER 9000SPE GENERATORE MONOFASE 9kVA

Generatore monofase 9 kVA / 7,2 KW alimentato a benzina, con avviamento elettrico.

Contattaci per un'OFFERTA PERSONALIZZATA

HYUNDAI GENERATORE INVERTER H2250iS 2.0kW 1ph

667.00 IVA incl.
Generatore monofase inverter 2,0 kW alimentato a benzina, avviamento manuale a strappo.

CGM GENERATORE INVERTER SUPERPOWER 3300I 3.0kW 1ph

1,006.00 IVA incl.
Generatore monofase inverter 3,0 kW alimentato a benzina, avviamento manuale a strappo.

HYUNDAI GENERATORE INVERTER H3750iE 3.3kW 1ph

1,100.00 IVA incl.
Generatore monofase inverter 3,3 kW alimentato a benzina, avviamento manuale a strappo ed elettrico.

HYUNDAI GENERATORE INVERTER H4500iE 4.0kW 1ph

1,210.00 IVA incl.
Generatore monofase inverter 4,0 kW alimentato a benzina, avviamento manuale a strappo ed elettrico.

CGM GENERATORE INVERTER SUPERPOWER 4000IE 3.6kW 1ph

1,250.00 IVA incl.
Generatore monofase inverter 3,6 kW alimentato a benzina, avviamento manuale a strappo ed elettrico con telecomando.

HYUNDAI GENERATORE INVERTER H6250iE 5.5kW 1ph

1,650.00 IVA incl.
Generatore monofase inverter 5,5 kW alimentato a benzina, avviamento manuale a strappo ed elettrico.

Gruppi elettrogeni

Un gruppo elettrogeno (chiamato anche motogeneratore o generatore di corrente) è una macchina costituita da un motore endotermico, a benzina o Diesel, abbinato ad un generatore elettrico. È impiegato per produrre energia elettrica a partire da energia termica di combustione tramite due conversioni successive: da energia termica ad energia meccanica, tramite un motore, e da energia meccanica ad energia elettrica,  tramite un alternatore (tensione alternata AC) ed un eventuale raddrizzatore (tensione continua DC).

I gruppi elettrogeni sono utilizzati in situazioni nelle quali è necessaria l’alimentazione elettrica ma non è disponibile l’allacciamento ad una rete di fornitura dell’energia elettrica (cantieri edili, aree isolate come boschi o campagne, allestimenti non stanziali tipo campeggi o sagre).

Risultano molto utili (industria), talvolta indispensabili (ospedali), come dispositivi di emergenza in caso di interruzione improvvisa della fornitura elettrica per malfunzionamenti o black-out programmati.

Gli elementi da considerare per l’acquisto di un gruppo elettrogeno sono:

  • La potenza elettrica di cui abbiamo bisogno

    Normalmente questo dato è espresso in kilowatt (kW) e rappresenta la potenza necessaria per alimentare i dispositivi (utenze) che vogliamo collegare al generatore di corrente. In genere i fabbricanti di motogeneratori dichiarano la potenza erogata nei modi seguenti:

    Potenza Stand-By o di emergenza o LTP (Limited Time Power): è la potenza massima disponibile con carichi variabili per un numero di ore/anno inferiore a 500 e corrisponde alla potenza di picco del gruppo.

    Potenza PRP (Prime Power): è la potenza massima disponibile con carichi variabili per un numero di ore/anno illimitato; la potenza media prelevata nelle 24 ore non deve però superare una certa percentuale del valore PRP (in genere il 70%).

    Potenza continua o COP (Continuous Power): è la potenza continua disponibile con carichi costanti per un numero di ore/anno illimitato.

    Vale la seguente: potenza LTP > potenza PRP >= potenza COP

    La potenza viene dichiarata in kVA (potenza apparente), per conoscere il valore in kW (potenza reale) è necessario moltiplicare il dato espresso in kVA per il cos(phi).

    Vale la seguente: Potenza (kW) = Potenza (kVA) x cos(phi)

    • Le prese di alimentazione di cui abbiamo bisogno

    Normalmente i fabbricanti di gruppi elettrogeni dichiarano quante prese sono disponibili, a quali tensioni e quanta corrente può essere prelevata. Ad esempio, un generatore con 2 prese trifase 3 poli con terra e neutro, 1 presa monofase “industriale”, 1 presa monofase Schuko e una presa 12VDC riporterà in scheda tecnica dati simili a:

    2 x 400V 16A 3P+N+T CEE IP67

    1 x 230V 16A 2P+T CEE IP67

    1 x 230V 16A 2P+T SCHUKO

    1 x 12VDC

    • L’uso più o meno intensivo che intendiamo fare del generatore

    A seconda dell’uso si deve preferire un generatore in grado di erogare la potenza necessaria in modo continuativo, a prescindere dal carico. A parità di potenza erogata, un motore che gira più lentamente si usura meno e richiede minor manutenzione. Per questo motivo generalmente i gruppi elettrogeni disponibili in commercio sono suddivisi in tre grandi categorie:

    Motori 1500RPM (Diesel): applicazioni pesanti

    Motori 3000RPM (Diesel o benzina): applicazioni medie e leggere

    Motori a giri variabili (benzina) e generatore INVERTER: applicazioni leggere

    • Altre specifiche tecniche rilevanti

    Avviamento manuale o elettrico, eventuale necessità di telecomando.

    Regolazione della tensione di uscita accurata tramite AVR oppure INVERTER.

    Livello di rumorosità espresso come potenza acustica LwA espresso in dB(A); se viene dichiarato il valore di pressione acustica LpA in dB(A), deve essere anche dichiarata la distanza dal gruppo elettrogeno a cui è stata effettuata la misura (es: 67dB(A) a 7m).

    Consumo di carburante, autonomia.